Pubblicato il Lascia un commento

8 consigli per aiutarti a diventare più resiliente

La psicologa clinica Meg Jay condivide modi pratici per superare qualsiasi cosa la vita ti proponga.

La psicologa clinica Meg Jay (TED Talk: Why 30 is not the new 20) non ama l’idea di rimbalzare dalle avversità. “Le persone non si sentono comprese quando qualcuno dice: ‘Wow, ti sei davvero ripreso da questo’. Non si sentono viste in tutta la loro complessità, in termini di quanto possa essere difficile”, dice. Invece, Jay ama descrivere la resilienza come una lotta eroica. “È davvero una battaglia, non un rimbalzo”, dice – un processo continuo che può durare anni.

Jay ha passato quasi due decenni a studiare lo sviluppo degli adulti e ad ascoltare le storie delle persone nella sua pratica clinica. Lungo la strada, ha imparato lezioni importanti sulla resilienza, che ha condiviso nel suo nuovo libro, Supernormal, e in un Facebook Live al TED NYC Headquarters a novembre. Una lezione chiave? “La resilienza non è una caratteristica. Non è qualcosa con cui si nasce. Non è qualcosa che si ha e basta”, dice. Abbiamo distillato i suoi consigli essenziali su come si può diventare più resilienti.

1. Per prima cosa, riconosci che la tua lotta è valida, non importa con cosa stai lottando.

Non vergognarti di ciò che ti rende stressato. Molte persone dicono: “Beh, non sono stato in guerra…” Devono imparare quali sono le avversità più comuni e vederle come legittimi fattori di stress cronico.”

2. Poi renditi conto dei modi in cui sei già resiliente.

“Potresti non avere l’alcolismo o l’abuso di droghe in casa tua, ma immagino che tu abbia passato qualcosa. Pensa a: ‘Quali sono stati i tre momenti più difficili della mia vita? Come ho fatto a superare quelle cose? Probabilmente sai già qualcosa sull’essere resilienti.”

3. Non aspettare che la situazione si sistemi da sola.

“Le persone resilienti tendono ad essere dei copers attivi. Dicono: “Cosa devo fare con questo?” piuttosto che: “Quando sarò liberato da questo?” Potrebbe non essere risolto da un giorno all’altro, ma ogni problema può essere affrontato in qualche modo.”

4. Conoscere i propri punti di forza e usarli.

“In generale, le persone resilienti tendono ad usare i punti di forza che hanno. Per persone diverse, questi sono diversi. Alcune persone hanno una grande personalità. Per altre persone, è l’intelligenza o qualche tipo di talento o una vera etica del lavoro. Lo usano per aggrapparsi, per superare qualsiasi cosa si trovi davanti a loro.”

5. Non cercare di fare tutto da solo…

“Uno dei più grandi predittori di far bene dopo un’avversità è avere persone che si preoccupano. Una cosa che le persone resilienti fanno è cercare sostegno. Non deve essere per forza un terapeuta; potrebbe essere un migliore amico o una zia o un partner. Le persone resilienti usano effettivamente le altre persone – piuttosto che non permettere a se stessi di averne bisogno.”

6. …ma sappiate che va bene non dirlo a tutti.

“Aumentate il numero e la qualità delle vostre relazioni come meglio credete. Per alcune persone, sarà: ‘Ci sono due persone al mondo che sanno tutto quello che c’è da sapere su di me’. Per altre persone, vorranno essere conosciute da una comunità più grande. L’amore è molto potente, e l’amore è amore. Il cervello non conosce un tipo di amore rispetto ad un altro. Semplicemente elabora quando ha un’esperienza positiva con un’altra persona. Vai là fuori e senti che ci sono persone che ti vedono e ti capiscono e che si preoccupano – questo è tutto. Non importa dove lo prendi.”

7. Trova il tuo modo preferito per fare una pausa mentale.

“Molte persone usano la fantasia o i libri, o si immergono nei loro hobby, o escono con i loro amici per prendersi una pausa mentale da una situazione che non possono risolvere da un giorno all’altro. Potresti non essere in grado di risolvere quel problema, ma puoi proteggerti dal sentirti sopraffatto da esso. Come adulto, puoi fare lo stesso: leggi un libro, prendi il tuo frisbee, esci con i tuoi amici, spegni gli avvisi di notizie sul tuo telefono. C’è molto nel mondo in questo momento che sembra opprimente. I resilienti combattono dove possono, ma imparano anche a prendersi una pausa mentale.”

8. Sii compassionevole con te stesso e realizza tutti i modi in cui le avversità ti hanno reso forte.

“Le persone che affrontano alcune avversità nella loro vita diventano più forti. Naturalmente, dipende da un sacco di altri fattori – quanto è grande l’avversità, quanto sostegno hanno, come l’hanno affrontata – ma imparando a far fronte allo stress e avendo quell’esperienza, guadagniamo fiducia e ci prepariamo. Penso che a volte ce ne dimentichiamo. Si vede come si è rotti piuttosto che come si è forti. Concentrati sulla resilienza e vedi te stesso come qualcuno che è ancora più preparato alla vita della persona media perché ne hai già vissuta così tanta.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *