Pubblicato il Lascia un commento

Bevanda al malto

Questo articolo non cita alcuna fonte. Per favore aiuta a migliorare questo articolo aggiungendo citazioni a fonti affidabili. Il materiale privo di fonti può essere contestato e rimosso.
Trova le fonti: “Malt drink” – news – newspapers – books – scholar – JSTOR (August 2008) (Learn how and when to remove this template message)

A malt drink is a fermented drink in which the primary ingredient is the grain, or seed, of the barley plant, which has been allowed to sprout slightly in a traditional way called “malting” before it is processed.

Varie marche commerciali di kvass, una bevanda al malto, provenienti da Russia, Ucraina e Lituania

Di gran lunga la bevanda al malto più predominante è la birra (zuccheri d’orzo fermentati naturalmente e aromatizzati al luppolo), della quale esistono due stili principali: ale e lager. Una bevanda a bassa gradazione alcolica prodotta in questo modo è tecnicamente identica alla “birra analcolica”. Tale bevanda può essere preparata utilizzando un processo di fabbricazione leggermente alterato che produce un alcol trascurabile (tecnicamente meno dello 0,5% in volume). Queste sono chiamate birre a bassa gradazione alcolica o “quasi birre”.

Negli Stati Uniti, il termine “bevanda di malto” può essere usato dalle associazioni commerciali di gruppi di grossisti di birra (per esempio Tennessee Malt Beverages Association) per il bene di un’immagine professionale usando termini legati all’artigianato della birra, per ragioni politiche o legali, o per evitare potenziali connotazioni negative che possono essere associate alla birra in una regione. Inoltre, il termine bevanda di malto è applicato a molte altre bevande aromatizzate preparate da grani maltati a cui sono stati aggiunti aromi naturali o artificiali (e a volte colori) per renderli simili nel gusto e nell’aspetto a vini, frutta, cole, sidri naturali o altre bevande. Questa sottocategoria è stata chiamata “malternative”, come in Smirnoff Ice (US & versione francese), o “maltini”, come in 3SUM, che ha anche componenti energetici come la caffeina. La commercializzazione di tali prodotti negli Stati Uniti è aumentata rapidamente negli ultimi anni. Nella maggior parte delle giurisdizioni, questi prodotti sono regolati in modo identico alla birra, il che permette a un rivenditore con una licenza di birra di vendere una linea di prodotti apparentemente più ampia. Questo generalmente evita anche le tasse più ripide e i regolamenti più severi associati agli alcolici distillati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *