Pubblicato il Lascia un commento

Caso di studioImpatti ambientali dell’adobe come materiale da costruzione: The north cyprus traditional building case

L’urgenza del cambiamento climatico globale ha attirato l’attenzione sull’industria delle costruzioni negli ultimi anni. Oggi, il settore dell’edilizia è responsabile dell’emissione di circa il 23-40% dei gas serra mondiali. Questo è plausibile a causa dei vari materiali non ecologici usati dall’industria edilizia moderna e dal palpabile design costruttivo contemporaneo. A differenza degli edifici moderni, i materiali da costruzione tradizionali hanno dimostrato di essere attenti alla terra e di avere un’impronta di carbonio quasi nulla. Eppure, il settore dell’edilizia modernista con la sua insaziabile spinta verso l’autonomia ha relegato le lezioni dell’edilizia tradizionale ad essere primitive. Inoltre, l’assenza di oggetti di industrializzazione è stata definita come una conformità alla povertà.

Quindi, questa ricerca cerca di esaminare scientificamente l’Adobe come uno dei materiali da costruzione tradizionali. In questo senso, sarà studiato l’impatto ambientale dell’uso dell’adobe. Lo studio si propone anche di esaminare adeguatamente i vantaggi e gli svantaggi dell’uso dell’adobe nell’edilizia moderna.

Metodologicamente, a causa degli obiettivi di questa ricerca, viene adottato un approccio qualitativo di simulazione al computer. Un tipico edificio tradizionale in Adobe a Louroujina, Cipro Nord, sarà simulato attraverso una simulazione parametrica al computer fatta usando Revit Architecture, con un plug-in Green Studio. Software riconosciuto dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti (DOE 2015). Questa procedura di simulazione modella l’emissione di carbonio dell’edificio e il consumo annuale di energia.

Sommariamente, questo articolo postula che la fusione di successo dei materiali da costruzione tradizionali come l’Adobe e la costruzione del design moderno non solo darà vita a un edificio consapevole della terra, ma sarà anche energeticamente efficiente. Inoltre, sarà un materiale da costruzione sostitutivo che l’industria delle costruzioni può adottare come soluzione che contribuisce al malessere onnisciente del riscaldamento globale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *